La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Si è conclusa lo scorso 6 febbraio una missione del Fondo monetario internazionale in visita alla Serbia avviata il 29 gennaio, con l'obiettivo di fare il punto sullo stato delle riforme e sulle prospettive economico-finanziarie della Serbia. Secondo quanto riferisce la stampa locale, il capo della delegazione FMI, James Roaf ha

confermato i risultati positivi ottenuti dalle politiche governative nel settore delle finanze pubbliche. La crescita economica del 4,4 per cento registrata nel 2018, ha osservato Roaf, è la più alta degli ultimi 10 anni in Serbia. La previsione è che quest'anno il PIL della Serbia nel Paese crescerà tra il 3,5% e il 4%, secondo quanto dichiarato da Roaf. Nel colloquio è stata sottolineata al tempo stesso la necessità di andare avanti nel processo di privatizzazioni, a cominciare dalla Komercijalna Banka e dal gruppo chimico Petrohemija, e di proseguire il lavoro sulle riforme dell'amministrazione fiscale, del sistema di retribuzioni nell'amministrazione statale, migliorando la politica fiscale. (ICE BELGRADO)

 

 

 

EN IT