CCIR

I TWEET

prossimo Rapporto-Paese di @TribunaEconomic #Visegrad pubblicazione 29 ottobre link al banner informativo:… https://t.co/fot2jLwP66
RT @ItalyMFA: Presentato a #SGLI2018 il rapporto sulla diffusione dell’Italiano nel mondo🇮🇹📒Con oltre 2 mln di studenti in 115 Paesi (+3,85…
Aumentano i rischi per l’#economiaglobale secondo #Bankitalia. Italia, elevato attivo delle partite correnti https://t.co/EbM3xf07zC
Al via il primo osservatorio italiano dedicato all’ #antiriciclaggio che raccoglie da tutta Europa… https://t.co/FXpISldHpj

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministero per i Beni e le attività culturali e il Ministero delle Politiche agricole, ha dato il via libera al decreto interministeriale che sblocca oltre 161 milioni

di euro per la realizzazione di un sistema nazionale di ciclovie turistiche.

Si tratta di un importante investimento per il destino economico di tante aree del Paese, che punta su opere in perfetta simbiosi con il territorio circostante, sulla mobilità sostenibile e in particolare la ciclabilità.

Il decreto in questione, firmato dal Ministro Toninelli e dai colleghi di Governo Alberto Bonisoli e Gian Marco Centinaio, spalma nel quadriennio 2016/2019 161.780.679,56 di euro per la costruzione di piste ciclabili turistiche. Per la ripartizione delle risorse per gli anni dal 2021 al 2024 il Ministero si impegna a procedere con un successivo decreto, individuando per ciascuna ciclovia ulteriori progetti che rispondano ai criteri qualitativi previsti.

In particolare 4.780.679,60 di euro relativi all’annualità 2016 sono destinati alla redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica della ciclovia del Sole (Verona-Firenze), della ciclovia del Vento (Venezia-Torino), della ciclovia dell’acquedotto pugliese e del GRAB di Roma. I restanti 159.999.999,96 di euro sono invece destinati, per gli anni 2017-2019, a garantire, per tutte le ciclovie turistiche, lo sviluppo del progetto di fattibilità tecnica ed economica e delle successive fasi di progettazione.

La realtà delle ciclovie turistiche è fatta di centinaia di chilometri di percorsi ciclabili. Alle piste già citate si aggiungono quelle del Garda, della Sardegna e della Magna Grecia; e poi la ciclovia Tirrenica, la ciclovia Adriatica e la Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia.

Il decreto emanato oggi disciplina anche le modalità di rendicontazione e prevede la revoca delle risorse nei casi di mancata parziale realizzazione degli interventi. Infine, prevede la costituzione di un Tavolo Permanente di Monitoraggio per la verifica del raggiungimento degli obiettivi.

Ora la parola passa agli enti locali. Il Ministero delle Infrastrutture e  dei Trasporti attende infatti l'invio da parte delle Regioni degli studi di fattibilità, propedeutici e necessari alla realizzazione delle piste ciclabili. Invio che si auspica avvenga quanto prima, così da rendere il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche una realtà.

EN IT